ANCHE I MIGLIORI SBAGLIANO

Anche i migliori sbagliano.
Minuto 90, Ten Hag completa le sostituzioni inserendo il difensore centrale Magallan per il trequarti Van De Beek. Bisogna resistere "solo" 5 minuti alle sfuriate offensive degli Spurs che ormai lasciano in avanti Llorente, Alli, Son, Lucas, Lamela e Vertoghen. Eriksen in mezzo al campo, dietro rimangono Alderweireld, Sissoko e Davies.
Sono 5 minuti di fuoco, la palla diventa un flipper, il Tottenham cerca sempre la giocato lunga, nel secondo tempo Llorente è stato cercato 15 volte, in 12 occasione ha preso la palla e creato una situazione di pericolo.
Il tecnico dei lancieri però, gestisce male tutto il secondo tempo: il pressing non è più asfissiante e viene concessa la giocata lunga su Llorente; il centravanti Dolberg non la prende mai, Tadic si sacrifica sull'esterno ma non riesce a seguire Tripper, anche Rose spinge come un forsennato sulla sinistra dove l'opposizione di Ziyech è troppo sterile. L'Ajax perde il centrocampo e l'ampiezza. Ma l'errore più grande, il suicidio calcistico viene commesso al 90' quando entra in campo Magallan: ci saremmo aspettati una difesa a 5 per non rischiare l'uomo contro uomo contro i 2 attaccanti del Tottenham, invece Ten Hag sposta Blind a centrocampo con Mazraoui sulla trequarti al posto di Van de Beek.
L'azione del gol nasce proprio da qui, Sissoko lancia lungo su Llorente, De Ligt perde il contrasto, la palla finisce ad Alli con Magallan che scivola e perde metri vitali, la palla si scopre ma soprattutto si crea il buco dove s'inserirà Lucas ben servito da Alli. E' il gol della qualificazione.
Fortuna? Non credo, un difensore ( come Blind ) non si sposta mai a centrocampo, specie al 90', neanche nei dilettanti. Magallan non è stato all'altezza, e Ten Hah nonostante abbia grandi meriti ha gestito malissimo i secondi 45'. Oggi l’Ajax piange, ma ogni gol incassato non è stato casuale e soprattutto poteva essere evitato.

Nessun commento:

Posta un commento